Nova

di Fabio Bacà Adelphi, 2021279 pagineCategoria: Milano-Venezia Forbito Introspettivo Rivelazioni Proprio come suo marito, obbedendo a una di quelle necessarie simmetrie coniugali forgiate sulla condivisione di piccole sezioni di spazio e ampie porzioni di tempo, Barbara si svegliava ogni mattina alle sei. Aprendo gli occhi, nessuno dei due alterava la regolarità del ritmo respiratorio oContinua a leggere “Nova”

La quattordicesima lettera

di Claire EvansNeri Pozza, 2020444 pagineCategoria: Venezia-Napoli Meccanismi Setta Oscurità Ora sapeva di essere condannato, definitivamente. Possono forse i vivi perseguitare più dei morti? Benvenuto ottobre: nebbiolina, foschia, giornate più corte e a fine mese, ovviamente, Halloween. Per celebrare questi primi battiti autunnali vi parlo oggi di una torbida storia della Londra vittoriana. Niente diContinua a leggere “La quattordicesima lettera”

Origini

di Saša StanišićKeller, 2021383 pagineCategoria: Venezia-Napoli Jugoslavia Sferzante Casualità A Višegrad sono pochissimi i luoghi che riesco a guardare con spensieratezza. Pochissimi i ricordi soltanto personali. Pochissimi quelli senza appendice, senza note a piè di pagina su criminali e vittime e sugli orrori di cui quei luoghi sono stati teatro. Leggevo. Studiavo. Suonavo Bach conContinua a leggere “Origini”

La famiglia Karnowski

di I.J. SingerAdelphi, 2013498 pagineCategoria: Venezia-Napoli Generazioni Scontri Cultura I Karnowski della Grande Polonia erano noti per il loro carattere testardo e provocatore, ma allo stesso tempo stimati per la vasta erudizione e l’intelligenza penetrante. «I padri non sono mai stati contenti dei propri figli,» dice «non sono certo un bambino, rabbi Karnowski, e miContinua a leggere “La famiglia Karnowski”

Abbiamo sempre vissuto nel castello

di Shirley JacksonAdelphi, 2009189 pagineCategoria: Milano-Venezia Sottopelle Equilibrio Follia Mi chiamo Mary Katherine Blackwood. Ho diciott’anni e abito con mia sorella Constance. Ho sempre pensato che con un pizzico di fortuna potevo nascere lupo mannaro, perché ho il medio e l’anulare della stessa lunghezza, ma mi sono dovuta accontentare. Detesto lavarmi, e i cani, eContinua a leggere “Abbiamo sempre vissuto nel castello”

La sciagura di chiamarsi Skrake

di Kjell WestöIperborea, 2020498 pagineCategoria: Venezia-Napoli Famiglia Eventi Irrequietezza «Werner ti somiglia molto più di quanto pensi. Ha anche lui la stessa forza, solo che nel suo caso si esprime in modo diverso, è spontanea e gli sgorga da dentro anche se lui non vuole, ed è per questo che…» Qui Leo si zittì eContinua a leggere “La sciagura di chiamarsi Skrake”

All’orizzonte

di Benjamin MeyersBollati Boringhieri, 2021238 pagineCategoria: Milano-Venezia Libertà Amicizia Gentile La pioggia era a molti chilometri di distanza, eppure lì il giardino era piombato in un’immobilità improvvisa, un silenzio assordante. Nessun canto d’uccello. Nessun latrato di cani in lontananza. Sentivo il muscolo del collo vibrare per un impulso quasi elettrico. «Succede, quasi all’orizzonte» disse DulcieContinua a leggere “All’orizzonte”

I demoni di Wakenhyrst

di Michelle PaverNeri Pozza, 2020317 pagineCategoria: Milano-Venezia Gotico Palude Fedeltà Come se lo facesse un’estranea, passò in rassegna i frammenti del suo passato – Maman, Papà, se stessa – risistemandoli per comporre un quadro diverso.Vide la sua infanzia staccarsi e fluttuare via come un brandello di pianta acquatica nel canale. Le paludi hanno una doppiaContinua a leggere “I demoni di Wakenhyrst”

Le otto montagne

di Paolo CognettiEinaudi, 2016199 pagineCategoria: Milano-Venezia Riconciliazione Anima Asperità Se il punto in cui ti immergi in un fiume è il presente, pensai, allora il passato è l’acqua che ti ha superato, quella che va verso il basso e dove non c’è più niente per te, mentre il futuro è l’acqua che scende dall’alto, portandoContinua a leggere “Le otto montagne”

La tarda estate

di Luiz RuffatoLa Nuova Forntiera, 2020240 pagine Categoria: Milano-Venezia Tropicale Ritorni Descrittivo Questi alberi mi hanno vegliato, questo selciato ha accompagnato i miei passi… I muri hanno le orecchie, ma non la bocca. Se l’avessero, racconterebbero del bambino magro che volava per la città con la sua bicicletta Caloi verde, ingoiando il paesaggio. Padrone delContinua a leggere “La tarda estate”